La città che vorrei - A Vision of Europe

Vai ai contenuti

Menu principale:

Bologna2020


THE NEXT ECO-COMPACT CITY
BOLOGNA 2020: LA CITTÀ CHE VORREI

The significant problems we face cannot be solved
by the level of thinking which created them ...(Albert Einstein)

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

IL DECALOGO PER TRASFORMARE BOLOGNA IN ECO-CITTÀ COMPATTA

Per avviare un Circolo Virtuoso, costruire un efficiente sistema di Trasporto Pubblico e tornare ad essere una città di 500.000 abitanti occorre costruire una Eco-Città Compatta. Per fare questo occorre:

1. pensare lo sviluppo della Città come lo sviluppo di una CITTÀ METROPOLITANA POLICENTRICA basato sulle 12 CITTÀ DI BOLOGNA: il Centro Storico, la Bolognina, la Cirenaica, etc. La Città Metropolitana di Bologan sarà basata su un sistema Nord-Sud ed Est-Ovest di METROPOLITANA e su un sistema anulare di TRAM Lungo la Circonvallazione dell'89 e il nuovo ECO-BOULEVARD realizzato sull'area della vecchia Tangenziale

2. rigenerare il CENTRO STORICO attraverso una politica di consolidamento della sua struttura commerciale e residenziale.

3. costruire PARCHEGGI PUBBLICI INTERRATI lungo l'anello dei Viali di Circonvallazione e una serie di Piazze Verdi tipo Etoile o Square in corrispondenza delle Porte

4. trasformare le PIAZZE principali della città in Salotti Urbani con ampie pedonalizzazioni e operazioni di arredo urbano

5. trasformare le principali direttrici di accesso alla Città in Boulevards, piantando alberi e rafforzando le strutture commerciali garantendo loro incentivi per la realizzazione di dehors, parcheggi, ampliamenti. I nuovi Boulevards rappresenteranno i luoghi centrali dei QUARTIERI PERIFERICI e permetteranno agli abitanti di fare la spesa senza dover utilizzare l'AUTOMOBILE

6. incentivare l'apertura di NUOVI SPAZI COMMERCIALI DIFFUSI all'interno di tutta la città. I negozi diffusi lungo le strade e le piazze garantiscono ai cittadini la possibilità di fare la spesa pedonalmente e contribuiscono a garantire un accettabile livello di SICUREZZA

7. utilizzare le aree demaniali dismesse per costruire nuovi ECO-QUARTIERI URBANI INTEGRATI con edifici urbani misti di non più di 4-5 piani

8. avviare un PIANO DI RI-URBANIZZAZIONE DELLA PERIFERIA volto alla trasformazione delle aree degradate in Quartieri integrati, ciascuno con una propria piazza, un proprio mercato e servizi urbani

9. avviare un PIANO DI TRASFORMAZIONE DEI VECCHI IPERMERCATI in quartieri urbani integrati in modo tale da incentivare la fruizione pedonale della città

10. avviare un Piano di SMART GROWTH prevedendo il riuso dell'area della vecchia Tangenziale che sarà resa disponibile dalla realizzazione, ad opera dello Stato, del Passante Nord o del Passante Sud. L'area della vecchia TANGENZIALE diventerà un nuovo ECO-BOULEVARD dove potrà passare un Tram efficiente e dove si potranno insediare nuovi Eco-Quartieri integrati.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu