Urban Resistance - A Vision of Europe

Vai ai contenuti

Menu principale:

Urban Resistance


U R B A N   R E S I S T A N C E

CITIZENS CAN STOP UGLY SKYSCRAPERS
In 1997 66% of the voters chose to stop the demolition
of the Bologna's historic railway station and the construction of a skyscraper
YOU CAN DO IT TOO !
La battaglia per salvare la Stazione di Bologna dalla demolizione prevista dal progetto di Ricardo Bofill inizia nel 1994 quando architetti, ingegneri e cittadini si riuniscono per fondare un Comitato e organizzare un Referendum. Il Comitato, guidato da Giampaolo Bastia, Gabriele Tagliaventi e l'Avv. Mario D'Arezzo, raccoglie in poco tempo 7000 firme e ottiene il diritto a indire un pubblico Referendum in cui si chiede ai cittadini bolognesi se vogliono demolire la stazione, se vogliono grattacieli e se sono a favore di un Concorso pubblico per scegliere il progetto architettonico per la ristrutturazione della Stazione come previsto dalla Legge Merloni sugli Appalti Pubblici.
Il Comitato ottiene l'appoggio di AVOE e di più di 100 architetti, urbanisti e ingneri di tutto il mondo che rivolgono un appello all'allora primo ministro Dini per salvare la stazione di Bologna.
Il referendum si tiene nel febbraio 1997 e vede la partecipazione di 130.000 votanti con la vittoria del Comitato con il 66% dei voti: NO alla demilizione, NO ai grattacieli e SI al concorso pubblico per scegliere il progetto architettonico

Oggi, dopo circa 20 anni, grazie al referendum la stazione di Bologna è ancora al suo posto, come la voleva Carducci
The proposed Bologna Railway Station by Ricardo Bofill: 66% of the voters chose to stop the construction of the skyscraper


Monaco di Baviera
Referendum 2006 per scegliere se il Piano Regolatore poteva permettere grattacieli

Risulatato: il 67% ha votato NO ai grattacieli.

La battaglia contro il grattacielo Okhta Tower della Gazprom nel centro di San Pietroburgo.
La Gazprom è un colosso economico.
I cittadini hanno votato contro i grattacieli.
I referendum mostrano percentuali “bulgare” in favore di una città compatta orizzontale.


PARIGI referendum di LE FIGARO
La demolizione della Tour Montparnasse

IL 73% DEI CITTADINI DI PARIGI
NON VUOLE GRATTACIELI

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

SAVE ITALIAN CITIES FROM UGLY 1960s SKYSCRAPERS

CONTRIBUTE TO THE CAMPAIGN BY VOTING THE PUBLIC REFERENDUM
ON THE PROPOSED SKYSCREAPER IN TURIN
If you want to save Turin, mail or fax the letter you find below!

SUPPORT THE CAMPAIGN !
SALVATE LE CITTÀ ITALIANE DA BANALI GRATTACIELI STILE 1960
PRESIDENT
of the Italian Republic

MAYOR
of Turin

object

INTERNATIONAL CAMPAIGN
TO SAVE THE ITALIAN CITIES
FROM 1960s-LIKE PROPOSED SKYSCRAPERS

The Italian cities represent a worldwide patrimony of Mankind, and for the Italian Nation, an un-valuable richness.
Their skyline reflects a true millennial civilization and an un-beatable trademark. The edifices that arise higher than the urban fabric always express the community values:the church, the public palace, the Municipal Building, the Town Hall, the Government, etc.

The alarm spread all over the world by the media on the risks caused by the proposed new skyscrapers in Turin reveals a severe menace for both the un-matchable skyline of the city and the Italian's reputation in the world.
Not only do the proposed skyscrapers express in their box-like aesthetic a sad and banal nostalgia for the building catastrophes of the 1950s and 1960s, but they introduce too a huge alteration of the democratic and economic principles of a modern civilized society.
Either every citizen holds the right to build a skyscraper -as it happens in a few areas of American cities such as Up-town and Mid-town Manhattan- or nobody does it -like in the Village at New York City, in Washington DC, Paris, etc.
A Vision of Europe and the Fondation pour l'Architecture do strongly recommend your intervention in order to avoid the aggression to the elegant skyline of the Italian cities, protect the architectural heritage of the Italian cities, promote a new policy of sustainable Urban Renaissance. A truly innovative one after the many dysasters of the 1950s and 1970s. A policy which will be respectful of the great Classical tradition of Italy.
SIGNOR PRESIDENTE
della Repubblica Italiana

SIGNOR SINDACO
del Comune di Torino

oggetto

CAMPAGNA INTERNAZIONALE
PER SALVARE LE CITTA' ITALIANE
DA BANALI GRATTACIELI STILE 1960

Le città italiane rappresentano un patrimonio dell'umanità e, per la nostra nazione, un bene inestimabile.
Il loro profilo esprime una civiltà consolidata e un marchio inconfondibile.
Gli edifici che svettano più alti del contesto urbano esprimono i valori della comunità: la chiesa, il palazzo pubblico, la sede del municipio, la sede del governo, etc.

L'allarme lanciato dai mass-media sui nuovi grattacieli proposti per la città di Torino rivela una minaccia per la bellezza del panorama inconfondibile della città e per l'immagine dell'Italia nel mondo.
Non solo i grattacieli proposti esprimono nella loro estetica tipo scatolone una triste e banale nostalgia per gli scempi edilizi degli anni 1950-1970, ma introducono anche un'alterazione sensibile del principio democratico ed economico su cui si fonda una moderna società.
O tutti i cittadini hanno il diritto di costruire un grattacielo -come accade in poche aree di città americane come a Up-town e Mid-town Manhattan- oppure nessuno, - come accade al Village di New York City, a Washington D.C., Parigi, etc.

A Vision of Europe e la Fondation pour l'Architecture di Bruxelles si rivolgono a Lei per evitare lo scempio degli eleganti panorami delle città italiane, proteggere il patrimonio architettonico della città italiana e promuovere una nuova politica di Rinascimento Urbano sostenibile, autenticamente innovativa dopo i disastri degli anni 1950-1970, e rispettosa della grande tradizione classica del nostro Paese.

Prof. Gabriele Tagliaventi
A Vision of Europe, director

Arch. Maurice Culot

Fondation pour l'Architecture Bruxelles, president

 
Torino, Italy, 2007
AVOE archive image
The proposed San Paolo Intesa skyscraper
designed by Renzo Piano
One of the best ways to cancel hundreds years of urban civilization with one building only !
While NYC rejects the proposal by Foster 
to build a skyscraper, 
Italian cities risk to devastate their skyline:
provincialism ?

There are lots of good reasons to build high symbolic structures, such as the Washington Memorial, the Capitol Building, the Eiffel Tower, St. Paul's Cathedral; there exists no sound reason, however, for building excessively high utilitarian buildings (with the exception of financial gain). Their collateral damage is such that society cannot afford such absurdities as general propositions; the problem today is not so much that they exist, but that some architectural thinkers want to make us believe that they are inevitable and necessary even in the future. These buildings make a very large impact as sex and power symbols, but considering the very real damage they do to their host cities, users, and neighbors, they may not only be considered now to be fragile and dangerous, but also obscene rather than powerful.
Leon Krier interviewed by Nikos Salingaros,
"The end of Tall Building", September 2001


Fortunately today hundreds of skyscrapers are being demolished every day ...

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

"High Rise"
by James Graham Ballard

Technology and madness wildly together.
The disaster of urban modernist architecture like a mirror of mental disorder.
A journey trought the horror of human soul under the surface of modernity.
Very amazing, tragi-comical book.
Hardcover: 204 pages
Original Publisher:
Cape, 1975

Language: English
ISBN: 0224011685
Product Dimensions: 21 cm

Italian Language:
Il condominio
di J. G. Ballard
traduzione di Paolo Lagorio
Milano, Feltrinelli, 2003, 189
ISBN - 88-078-1755-1

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu